Amal

Mi chiedono di credere alle notizie ma un giorno, più di un giorno, le notizie mentirono sul mio conto…

Mi chiedono di dare fiducia alla politica nazionale ma un politico mi denunciò e per la denuncia gli applausi del parlamento si prese… Mi accusò falsamente…

Almeno la politica locale, la sinistra dissero… Ma il sindaco ai giornali e alla lega doveva rendere conto per cui mi vendette e prese le distanze… Destra e sinistra d’accordo all’unanimità contro di me…

Mi chiedono di credere all’amicizia e ne ho trovate tante ma temporanee e mai nessuna ha alzato la voce in difesa del fratello…

Mi hanno chiesto di credere nella fratellanza, ad oltranza, ma l’ho trovata ad intermittenza… perché 4 mura per Allah son forse più importanti dell’onore di un fratello.

Ho cominciato a chiedere io allora…

Ho chiesto ad Allah ma la risposta tardava non sapevo quale tra i mille peccati m’impiccava e fermava…

Ho letto il Corano ma era lui che piangeva per tutta la polvere che in solitudine prendeva…

Ho visto la Sunnah che andava arrabbiata per come negli anni l’avevo lasciata…

Ho chiamato la preghiera che ormai magra lei era perché mai, ormai, niente visite la sera…

Credo nella luce perché l’ho vista lei c’era…anche se ormai brancolo nel buio più scuro e profondo della notte più nera…

Ma la lontananza non ha ucciso e non ucciderà mai la mia immensa speranza.

Annunci
  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: